giovedì 17 settembre 2015

Elezioni in Grecia si vota

Cosa porta a scrivere questo post. La notizia della Stampa. Anche il Post ne ha parlato.


Casi esemplari di Europa, in cui si parlava di Grecia e Cipro.

A cosa penso, visto che c'è chi ha fatto questo paragone tra Sardegna e Grecia ecco due post sull'argomento: Una piccola visita in Sardegna (2 anni fa) e poi il Elezioni in Sardegna le cose cambiano.

La 'situazione' della Grecia.

Sembra molto simile a quella del viaggiatore in treno. Ogni fermata 'importante', quindi per lo Stato ogni entrata è debito, l'addetto/a controlla il biglietto e lo convalida, ripassa quattro fermate dopo e convalida nuovamente, finché il viaggio finisce, ecco per uno stato il viaggio non finisce ed il biglietto non è unico. Ogni volta che il controllore volge il suo compito, la procedura si aggiorna, qualcosa la si capisce leggendo il post precedente, ma ben poco rispetto a quello che è successo successivamente.


La questione immigrazione.

Rispetto alle ultime politiche greche è il vero tema che riguarda sia Grecia che l'Europa e non abbia come fondo l'economia. Un articolo Politico giorni fa riportava un dato di 343K arrivi nelle coste del mediterraneo, il 70% in Grecia e sono circa 240k, il doppio dell'Italia, che si sa è in emergenza. Il tavolo europeo è abbastanza lento, il sistema delle quote sempre rinviato e via discorrendo, sicuramente poi la 'situazione' della Turchia e del Medio Oriente non facilita il quadro generale. Da questo punto di vista ma ne parlo maggiormente dopo, una decisione non condivisa e valida, rischia di portare la Grecia verso l'isolamento.

Il referendum.

Salutato con favore in termini democratici, il referendum è stata l'ultima causa della crisi politica in Grecia, il cui effetto sono le elezioni anticipate, segnate dalle divisioni nel partito di Syriza. 
E' stato sicuramente un voto ideologico, siete a favore del piano di aiuto della Troika? No. A questo come c'era da aspettarselo ne segue un accordo, risultato di poche mediazioni perché il tempo stringeva.


Prospettive da Lunedì

L'ultimo sondaggio vede vincente, seppur in termini di arrivo il partito di Nea Dimokratia, mezzo punto in più di Syriza, c'è stato anche un confronto Tv, e l'astensione è stimata al 40%. Riuscendo ad arrivare primo ma non riuscendo ad avvicinarsi a quota 36%, voti utili per la vittoria e con una sostanziale parità, una possibilità può essere quella di Grosse Koalition, per Syriza che non vince, dimissioni di Tsipras, insomma il modello italo-tedesco. Per una Syriza in prima posizione elettorale le possibilità sono due, la prima: governo progressista, con il Pasok che è dato per terzo, la seconda: elezioni anticipate. 

Il primo ministro Alexis Tsipras








[Il termine situazione, importante, fatto non vogliono dire di per se niente...

Connessione di aspetti o di elementi che configurano la 'condizione' attuale di un 'fatto';

in generale, 'fatto' il cui intervento è necessario perché un altro 'fatto' possa verificarsi; 
avvenimento, azione, fenomeno, ciò che si compie o si è compiuto]
Accordo Euro-gruppo sul debito Greco. (aggiornamento 26-04-16)
http://www.euinside.eu/en/news/Eurogroup-and-IMF-near-an-agreement-on-Greece


lunedì 24 agosto 2015

Angolo del lettore digitale

Tornato dopo tanto, ma prima del previsto.


Ogni giorno dobbiamo scegliere se occuparci di quello che passa tra i vari social network, o cercarci le notizie.
"Cercare" le notizie nei motori di ricerca, si ma una volta che ho il titolo, questo magari è dato da un titolo, letto sui social network o qualche altro fattore, come seguire notizie in aggiornamento.




Le notizie a tarda sera, si il caldo che si vive in questi giorni, salvo che in alcune regioni piova, è insopportabile, solo a tarda sera si leggono le notizie, prima ci si riposa... e se siete in vacanza potete andare in piscina o al mare oppure per gli amanti della Montagna o comunque isolati il nostro Paese gode di luoghi eccezionali... rimane il fatto di trovarli e volerci andare...
Invece oggi la notizia che la newsletter di Politico non sarà più free.

domenica 15 febbraio 2015

Togliere le vesti alla Thatcher


Merkel come laThatcher , dodici anni di storia.



Intervista con Enzo Biagi

C'è molta differenza tra governare una famiglia e governare uno Stato?
Bé, in un certo senso no. Bisogna vivere con i propri mezzi e non fare il passo più lungo della gamba. Non si può fare tutto al posto del popolo ne il popolo lo desidererebbe in una società libera.
Lei ha detto "Vorrei che ogni inglese fosse capitalista può spiegare perché?
Perché esser capitalisti vuol dire avere degli interessi nel paese in cui si vive, ciò che importa è che si abbia dell'indipendenza. Quindi io dico spesso che quello che cerco di ottenere è il capitalismo popolare. In altre parole ognuno deve avere l'opportunità di acquistare (terra, denaro, qualcosa alle spalle), perché questo gli permette di essere indipendente. 


Il ventennio della Thatcher ha influenzato il sistema politico ed economico, ma non soltanto come spiega bene questo articolo, anche varie band britanniche hanno cantato la loro disapprovazione in varie tematiche tematica riguardante la la lady di ferro.

























Alcuni tweet




 



Tra i tanti segnalato un articolo sull'Espresso http://espresso.repubblica.it/palazzo/2014/02/27/news/matteo-renzi-piu-che-tony-blair-ricorda-la-tatcher-1.155143

Qualche stato su Google plus

Le donne cambiano il mondo, sensibili, fredde calcolatrici, intelligenti, vittime, determinate e determinanti
https://plus.google.com/112282616066052204167/posts/PZWQEnj5C8z

IL ministro Lupi l'8 Marzo scorso







http://www.gadlerner.it/2013/12/06/per-non-dimenticare-thatcher-e-reagan-contro-il-terrorista-mandela










martedì 23 settembre 2014

Ho letto Dostoevskij senza leggerlo



Chi ha voglia di leggere un mattone? Poi è noioso





.
Anche se non sembra facile, che poi in italiano cosa voglia dire lo so solo io, va be taglio tutto e lo metto una volta finito in una pagina. ok ma tu cosa devi fare, cercare dirvi la mia insomma niente. Non sapevo neanche come si scrivesse fino alle 23 e 30 dell'altra sera.
Magari il collage riesce bene.

"Raskol’nikov divide gli uomini in due specie: i grandi uomini, i “Napoleone”, a cui è consentito vivere e agire al di sopra della legge morale e ai quali, in nome della loro grandezza e del beneficio che l’umanità trae dalla loro esistenza, "tutto è permesso"; le persone comuni, i “pidocchi”, che devono invece sottostare alle leggi e al senso comune, e nei confronti dei quali i Napoleoni hanno diritto di vita e di morte." Fonte

Mi è venuta da pensare di averla pensata (?) anche io, però ai grandi uomini io in un periodo ho sostituito la parola leader.

Non credo tu possa continuare così anche perché sono 746 pagine al meno da questo eBook.
Il mondo è pieno di recensori.
La divisione per parti sembra che ci semplifichi la lettura. Si Parte da questo e poi si procede via via in focus.











Mi è venuto in mente per fare un po' di pausa due articoli del giornale online il post, uno di Luca Sofri e l'altro, di uno che fino ad oggi non conoscevo come Dov (link), e cosa dicono questi due.
Ma secondo te adesso ho voglia di leggermeli.
Il direttore dice, in maniera confusionale, una riflessione da lettore scrittore, però dalla parte del lettore pigro e l'altro, dice che per esporre questa teoria così compiacente dovrebbe scrivere un libro, naturalmente parlano di argomenti che io non conosco, però forse ho capito da che parte stare, o almeno ho deciso.

E c'è ancora una cosa questa mattina La Stampa scrive che secondo uno studio, leggere un romanzo cambia il cervello

Le figure dei personaggi (Delitto e Castigo)
Nell'elaborazione delle figure più importanti, capiti di incappare e di fermarsi più volte.

http://www.uominidiognileva.it/gli-analfabeti/alterita-1-la-vita-animale-reificata-xi.html
Per questo post è importante questo secondo pezzo clicca qui per leggere, anche questo terzo elemento è da appendice per la comprensione 
vedi questo


Adesso che trovato questo articolo senza fare neanche troppa fatica si può continuare
Non conosco neanche questo scrittore, concludo con un punto saliente del post evocato.



Wordle: Prossimo postOgnuna di queste sferzate mi sarebbe apparsa nel 2006 e, in una certa misura, continua a sembrarmi ora, terribilmente condivisibile (Si può condividre un giudizio su un autore che non abbiamo letto, strano vero? Eppure succede). Avrei finito di leggere la recensione di Wallace – e non sono sicuro, mi viene da pensare oggi, che questa sia esattamente una qualità della recensione – con l’idea di conoscere Updike meglio delle mie tasche, potendo così fare a meno di leggerlo.

http://www.rivistastudio.com/editoriali/libri/conoscere-updike-senza-leggere-updike/?fb_action_ids=10202789318950711&fb_action_types=og.likes

sabato 26 aprile 2014

IL viaggio in treno di una scelta


Questo è un articolo di coscienza.



Viaggio in treno Fonte

Questa giornata trascorsa in treno sveglia presto e partenza con venti minuti di anticipo.

Ormai passo le vacanze in treno come da questi tweet con Insopportabile.


Inizia così il viaggio





Continuando il viaggio e ripensando a quello vissuto a metà Agosto, il pensiero del mio tempo, una famiglia anglo-franco-algerina si siede nei posti rimasti liberi, nulla di importante. Quindi oltre a seguire i tweet sconclusionati a qualche calcolo pressapochistico su Google Plus, leggo il giornale, solo un articolo è degno di nota lo trovate su Tumblr.






Solitamente il viaggio non dipende dalla distanza e c'è sempre qualcuno che parte da più lontano e arriva oltre e allora bisogna capire e comprendere tutti, anche per chi non condivide queste opinioni.

Poi arriva in una tratta dove stanno realizzando un strada nuova che si vede spesso dalla macchina, e invece dal treno con la calma del cambiamento appena avvenuto, il non pensare alle macchine che arrivano di fronte ti fa pensare al paesaggio, delle curve della strada il percorso è più rettilineo e si arriva direttamente alla fermata con la solita paura di aver dimenticato qualcosa, tranquillizzato dal fatto che la testa sia a casa a riposare.

Dopo il pranzo una rinfrescata alla memoria non è delle migliori, e allora si riguarda con la nonna il passato della famiglia, dai nobili signori padroni del paesello, la vita di campagna, agli amori e il matrimonio il pensiero alla famiglia e per i nipoti. Tutto questo condito dal passaggio di foto.


Foto simbolo Fonte



Foto simbolo Fonte



Si va via, prima si saluta il passato, la memoria, le proprie radici, ma nella fretta e nella chiacchera e nel dialogo interconnesso invece si assiste nel monologo duale.

E quindi dal profondo viene giù una domanda, le persone possono avere fondamentalmente due posizioni:


  • Stimare i propri genitori

  • Ritenersi superiori o comunque diversi commettendo i loro errori 

  Se si è della prima posizione, va be la dico forte tanto, sembra la       giornata di oggi, o meglio esasperata dalla puntata di otto e               mezzo, ospiti Vauro e Alessandro Milan, quindi si deduce che           il  vignettista appartenga alla   prima affermazione mentre il             giornalista alla seconda più o meno contrapposizione.
  Qui una serie di tweet sull'argomento


  http://inagist.com/all/459766647700873216/



E' chiaro, il mio futuro dipende dal passato, da quello che riesco a vivere appoggiandomi a me stesso, cavandosela da soli, oppure pur rimanendo sostanzialmente come spirito umano quei valori trasmessi, sono la chiave di un percorso che c'è, mentre per l'altro non va seguito va costruito da nuovo.   


  
Questo breve post, ti ha ricordato qualcosa o lo trovi adatto, condividi e commenta..  

lunedì 17 febbraio 2014

Elezioni in Sardegna le cose cambiano



Benvenuti questo è un articolo di Scienza.


Il Mese scorso ho aniziato a scrivere questo post


















Dopo questa immagine, ho guardato varie volte le puntate presenti nei vari programmi di condivisione
di video, ed ho trovato la cosa geniale. Le modalità della campagna elettorale la più lontana dai
contenuti e il segno della profonda sfiducia, non nella Politica, ma nell'Isola ...


Dal commento personale di questo stato, mi è venuto in mente in quel momento di scrivere un post per parlare di queste cose. https://www.facebook.com/salvatore.camboni/posts/10152149343693194   

Ed ho trovato in tarda notte questo. http://www.polisblog.it/post/3684/regionali-sardegna-la-sconfitta-di-soru-e-la-vittoria-dei-palazzinari-delle-coste

Chissà se si ripercuote la stessa vicenda del 2009, dopo cinque anni, solo il 17 si potrà dire, ma sicuramente influenzerà molto anche l'alluvione, penso ad Olbia...   

Che sia una Vittoria o una Sconfitta.