martedì 23 settembre 2014

Ho letto Dostoevskij senza leggerlo



Chi ha voglia di leggere un mattone? Poi è noioso





.
Anche se non sembra facile, che poi in italiano cosa voglia dire lo so solo io, va be taglio tutto e lo metto una volta finito in una pagina. ok ma tu cosa devi fare, cercare dirvi la mia insomma niente. Non sapevo neanche come si scrivesse fino alle 23 e 30 dell'altra sera.
Magari il collage riesce bene.

"Raskol’nikov divide gli uomini in due specie: i grandi uomini, i “Napoleone”, a cui è consentito vivere e agire al di sopra della legge morale e ai quali, in nome della loro grandezza e del beneficio che l’umanità trae dalla loro esistenza, "tutto è permesso"; le persone comuni, i “pidocchi”, che devono invece sottostare alle leggi e al senso comune, e nei confronti dei quali i Napoleoni hanno diritto di vita e di morte." Fonte

Mi è venuta da pensare di averla pensata (?) anche io, però ai grandi uomini io in un periodo ho sostituito la parola leader.

Non credo tu possa continuare così anche perché sono 746 pagine al meno da questo eBook.
Il mondo è pieno di recensori.
La divisione per parti sembra che ci semplifichi la lettura. Si Parte da questo e poi si procede via via in focus.











Mi è venuto in mente per fare un po' di pausa due articoli del giornale online il post, uno di Luca Sofri e l'altro, di uno che fino ad oggi non conoscevo come Dov (link), e cosa dicono questi due.
Ma secondo te adesso ho voglia di leggermeli.
Il direttore dice, in maniera confusionale, una riflessione da lettore scrittore, però dalla parte del lettore pigro e l'altro, dice che per esporre questa teoria così compiacente dovrebbe scrivere un libro, naturalmente parlano di argomenti che io non conosco, però forse ho capito da che parte stare, o almeno ho deciso.

E c'è ancora una cosa questa mattina La Stampa scrive che secondo uno studio, leggere un romanzo cambia il cervello

Le figure dei personaggi (Delitto e Castigo)
Nell'elaborazione delle figure più importanti, capiti di incappare e di fermarsi più volte.

http://www.uominidiognileva.it/gli-analfabeti/alterita-1-la-vita-animale-reificata-xi.html
Per questo post è importante questo secondo pezzo clicca qui per leggere, anche questo terzo elemento è da appendice per la comprensione 
vedi questo


Adesso che trovato questo articolo senza fare neanche troppa fatica si può continuare
Non conosco neanche questo scrittore, concludo con un punto saliente del post evocato.



Wordle: Prossimo postOgnuna di queste sferzate mi sarebbe apparsa nel 2006 e, in una certa misura, continua a sembrarmi ora, terribilmente condivisibile (Si può condividre un giudizio su un autore che non abbiamo letto, strano vero? Eppure succede). Avrei finito di leggere la recensione di Wallace – e non sono sicuro, mi viene da pensare oggi, che questa sia esattamente una qualità della recensione – con l’idea di conoscere Updike meglio delle mie tasche, potendo così fare a meno di leggerlo.

http://www.rivistastudio.com/editoriali/libri/conoscere-updike-senza-leggere-updike/?fb_action_ids=10202789318950711&fb_action_types=og.likes